Lista Leaked Conferma Refresh Di MacBook, iMac, Mini Mac E Mac Pro

| 8 giugno 2012 | 0 Comments

Il refresh delle linee Mac 2012 è stato ulteriormente confermato grazie ad una immagine leaked che mostra 27 codici riferiti a componenti hardware, 14 delle quali sembrano riferiti a nuovi Mac, mentre 13 sono classificati come “standalone kits”.

ipotetici codici interni dei nuovi Mac 2012

Le stesse parti circolano nel sistema dei reseller Apple. 14 nuovi modelli Mac quindi potrebbero arrivare nelle prossime settimane, il che rappresenterebbe un aggiornamento mai visto sinora per il numero di dispositivi interessati.

Al momento sono disponibili 20 modelli di Mac 2012 divisi in 5 linee: MacBook Air, MacBook Pro, Mac mini, iMac e Mac Pro. Nessuna delle categorie sono state ancora aggiornate con l’introduzione dei nuovi Ivy Bridge di Intel, sebbene siano stati introdotti in Aprile e sarebbero perfetti per MacBook Pro.

La lista leaked di AppleInsider mostra dei modelli in vendita in Australia. La fonte ha indicato che Apple sta per spedire proprio in Australia un buon numero di rifornimenti per il lancio dei nuovi modelli che avverrà la settimana prossima, in seguito al WWDC 2012. La lista mostra inoltre anche il prezzo dei modelli, aumentati del 10% per iva delle tasse.

Apple quindi dovrebbe aggiornare MacBook Pro con schermo da 15 pollici, e poi modelli da 13 e 17 pollici, con un design più sottile e schermi ad altissima risoluzione. Apple inoltre offre MacBook Air da 11 e 13 pollici, ed iMac con schermi da 21.5 e 27 pollici. I modelli identificati con K5BPLUS dovrebbero identificare 3 nuovi modelli Mac Pro Desktop, con i rumors recenti che affermano un refresh di questa linea, dopo due anni di silenzio. Altre sigle identificherebbero modelli già esistenti ma rivisitati, anche se non è stato ancora possibile identificarli. Dovemmo quindi attendere il WWDC 2012 che parte lunedì prossimo 11 Giugno, per scoprire quali linee e quali aggiornamento Apple ha riservato per i propri clienti Mac.

 

Category: Mac


Leave a Reply