Nuovo iPad: Tempo Di Ricarica Più Lungo, Aumento Di Temperatura Collaterale

| 17 marzo 2012 | 2 Comments

E’ quasi certo che il nuovo iPad necessita di molto più tempo per ricaricare la batteria, e scalda molto di più rispetto ad iPad 2.

Hardware interno di iPad

Nonostante si attendano i primi report dettagliati rispetto alla batteria ai polimeri di litio da 42.5 Watt-ora, sembra che la prima impressione sia effettivamente confermata.

Quel 70% di rendimento in più di cui si è parlato alla viglia della presentazione del nuovo iPad è stato confermato essere necessario per potere attivare in maniera adeguata il Retina Display, il processore A5X ed il chip LTE per la connessione 4G: tutto questo nuovo hardware richiede quella potenza in più che causa la connessione alla rete elettrica superiore, ed un generale riscaldamento del nuovo iPad superiore rispetto al proprio precedessore. Il tempo di carica è stato indicato in “diverse ore” in più, che corrispondono proprio alla maggiore capacità delle batterie, nonostante il tempo di autonomia sia rimasto sulle 10 ore, l’obbiettivo iniziale di Apple da sempre dichiarato.

A proposito del surriscaldamento, sembra essere localizzato presso l’angolo inferiore sinistro del nuovo iPad. Mai caldo, solo surriscaldato. Presumibilmente questo effetto è dato dalla maggiore superficie occupata dalla matteria, spingendo il chip LTE verso il margine del dispositivo e causando questo nuovo effetto.

Per maggiori informazioni dovremo attendere una dissezione completa del tablet Apple di ultima generazione.

Via: 9to5Mac

Category: Nuovo iPad


Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Luca scrive:

    Confermo che il nuovo iPad ci mette davvero molto tempo a ricaricarsi… Se la batteria è totalmente scarica, impiega non meno di 5 ore per tornare al 100%.
    Però c’è anche da dire che con un utilizzo “medio” del dispositivo la batteria dura un paio di giorni, quindi basta organizzarsi e ricaricarlo durante le ore notturne!

  2. Antonio scrive:

    Condivido su tutto quello che hai scritto per esperienza diretta. Grazie per il tuo contributo 🙂

Leave a Reply