Mini iPad da 7 pollici, nubi all’orizzonte

| 28 dicembre 2011 | 0 Comments

Si infittisce il mistero sul presunto nuovo iPad da 7 pollici, di cui vi mostriamo un mockup di come potrebbe essere, qualora dovesse essere prodotto.

Un mockup dell'ipad mini da 7 pollici

Probabilità che sta via via svanendo, almeno a giudicare da ciò che affermano gli analisti, che giudicano altamente improbabile che nel corso del 2012 possa vedere la luce un tablet di dimensioni ridotte, il cui lancio era stato ipotizzato per contrastare il successo di dispositivi come il Kindle Fire di Amazon.

È quanto afferma, ad esempio, l’analista Brian Blair di Wedge Partners, il quale ritiene invece plausibile la possibilità che l’offerta dei tablet Apple comprenda unicamente l’iPad 2, con una sola capacità di memoria e ad un costo più basso, e il nuovo iPad 3, top di gamma la cui uscita è prevista per l’inizio del prossimo anno.

Secondo questa ipotesi formulata da Blair, l’iPad 2 avrebbe una memoria da 16 GB e sarebbe proposto al prezzo di 349 oppure 399 dollari, invece degli attuali 499.

Insomma, come ricorda lo stesso analista americano, un anno intero di test sul tablet di dimensioni ridotte non ha convinto Cupertino a far partire la produzione di questo dispositivo, almeno per quanto riguarda il 2012, preferendo continuare a dare fiducia all’iPad 2.

Una bocciatura che stupisce un po’ di meno se pensiamo alle parole pronunciate nientemeno che da Steve Jobs in occasione della presentazione dei risultati, nell’ottobre 2010. L’ex CEO di Apple rifiutava l’eventualità di produrre un tablet da 7 pollici in quanto ciò avrebbe significato dar vita ad un dispositivo dallo schermo troppo piccolo per esprimere il software e incapace di offrire facilità di utilizzo ai suoi fruitori, per i quali sarebbe stato necessario “temperarsi le dita” per usarlo in maniera disinvolta.

Una stroncatura autorevole che viene da lontano e che ha tutta l’aria di descrivere anche gli scenari futuri della casa di Cupertino.

Via: CultofMac

Category: News


Leave a Reply