iTunes Match è ufficiale: Italia al momento esclusa

| 23 dicembre 2011 | 0 Comments

Nelle ultime ore, Apple ha diramato un documento ufficiale nel quale si chiariscono quali sono i Paesi in grado di usufruire dei servizi iTunes Match, tra cui non figura l’Italia. Il servizio di streaming musicale iTunes Match viene concesso a 17 nazioni: Australia, Belgio, Canada, Cipro, Francia, Germania, Irlanda, Lussemburgo, Malta, Messico, Nuova Zelanda, Repubblica Ceca, Slovacchia, Spagna, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti.

Ufficiale il lancio della musica in the cloud

Il servizio di “iTunes in The  Cloud”, che, come sappiamo, consiste nel ri-scaricare e realizzare automaticamente download e sincronizzazione di musica, video musicali, spettacoli TV, app e libri, trova diffusione in forma completa solo in Australia, Canada, Regno Unito e Stati Uniti, in quanto negli altri Paesi non sono disponibili gli spettacoli TV, mentre quasi tutte le nazioni possono fruire delle altre funzionalità del servizio.
Tutte fatta eccezione per l’Italia, appunto, che viene così tristemente messa nel novero delle nazioni di minore importanza.

Comprendiamo il risentimento di chi nel nostro Paese ha scelto di acquistare un prodotto Apple e adesso, a differenza di un utente francese o tedesco piuttosto che spagnolo, si troverà nella condizione di dover utilizzare un dispositivo monco di due dei servizi della mela più comodi e apprezzati. Prima di lanciare anatemi e improperi all’indirizzo di Cupertino, vale però la pena, a nostro modesto avviso, spostare le nostre attenzioni verso un sistema di gestione del copyright particolarmente complicato, confuso e intriso a fondo di burocrazia come quello italiano.

Nel Bel Paese, evidentemente, trovano terreno fertile gli interessi di chi, facendo leva su privilegi e profitti indebiti, punta a servirsi di cavilli e tasse per lasciare le cose come stanno, col risultato che le norme sulla libera circolazione di merci e servizi qui vengono sempre in qualche modo aggirate o evase, nonostante la UE in passato si sia prodigata con continui richiami.

Ne consegue che, per tornare alla notizia, in Italia potremo usufruire solo di cloud per applicazioni e libri. Un po’ poco per uno tra i paesi più industrializzati al mondo, ma la situazione è questa e, al momento, non ci sono nemmeno indizi di un lancio prossimo e ufficiale.

 

 

 

Category: iTunes


Leave a Reply